Paziente incontinente al centro del processo assistenziale: convegno a Bari della FINCOPP

In occasione del ventennio dalla nascita della  FINCOPP (Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico) il 28 e 29 giugno prossimi avrà luogo a Bari, presso l’IRCCS “Oncologico” di Bari (Viale Orazio Flacco 65) il VII convegno nazionale della federazione.

La FINCOPP si prefigge di porre il paziente incontinente al centro del processo assistenziale, favorendo gli strumenti utili al reinserimento sociale e al miglioramento della qualità della vita dello stesso.

A tal proposito, la Federazione Italiana Incontinenti e Disfunzioni del Pavimento Pelvico organizza un’offerta formativa per il 2018/2019 per la gestione e la presa in carico delle persone con problemi legati a disfunzione del Pavimento Pelvico ed incontinenza uro/fecale.

Uno degli obiettivi principali, infatti, l’aggregazione, la tutela e il reinserimento sociale delle persone incontinenti, 5 milioni di cittadini, di cui il 60% sono donne.

I dati

Gli ultimi dati indicano che nella popolazione di età compresa tra i 15 ed i 64 anni la prevalenza di incontinenza urinaria negli uomini varia dall’1,5 al 5% e nelle donne dal 10 al 30%.

La prevalenza aumenta con l’aumentare dell’età: la forma più frequente è quella da sforzo, ma nell’età geriatrica è molto frequente anche la forma da urgenza.

In Italia circa il 40% delle donne tra 31 e 40 anni ha avuto episodi di incontinenza urinaria. A 60 anni, circa il 55% delle donne presenta un’incontinenza transitoria, circa il 25% un’incontinenza significativa (2 episodi al mese), circa il 15% un’incontinenza importante (almeno un episodio di incontinenza al giorno).

Per i soggetti che vivono in famiglia di età superiore ai 60 anni la prevalenza di incontinenza urinaria varia dal 15% al 35%. Tra gli anziani ospedalizzati la prevalenza di incontinenza urinaria è pari almeno al 50%, in particolare per le donne accolte in case di riposo i tassi di prevalenza della patologia raggiungono il 50-58%.

 

Se si considera l’evento gravidanza, inoltre, gli studi scientifici mostrano come il 65% delle donne affette da incontinenza urinaria riferisce l’esordio in gravidanza o nel post-partum; le donne con incontinenza urinaria in gravidanza presentano percentuali variabili dal 17-54%, il 31% presenta il sintomo nel post-partum. In gravidanza il sintomo presenta una frequenza che aumenta con il progredire delle settimane ed è massima verso il termine della gravidanza con percentuali di circa il 12%.

 

 

Ultime News (Apri archivio)