Un ambulatorio per le cure palliative dal prossimo gennaio nell’Ospedale  di Terlizzi

Un ambulatorio dedicato alle cure palliative e alla terapia del dolore dal prossimo gennaio sarà attivato nella sede dell’Ospedale  di Terlizzi.

In questo nuovo ambulatorio, diretto dal Medico Anestesista Felice Spaccavento, ci si occuperà di cure palliative, garantendo specifiche prestazioni che accompagnano i pazienti oncologici e non, nella gestione del dolore, con un servizio che fa parte integrante dell’Unità Semplice di Fragilità e Complessità Assistenziale della ASL Bari. Altro capitolo importante che sarà trattato è  quello della terapia antalgica per la presa in carico di pazienti con dolore cronico, dolore associato agli effetti della chemioterapia, dolore legato a malattie neurologiche come SLA, Sclerosi Multipla, Parkinson e Malattie rare del bambino.

Il nuovo servizio sarà anche un punto di riferimento per la prescrizione di cannabis terapeutica secondo la normativa vigente, rinforzando così la capacità in un settore in cui la Regione Puglia fa scuola da tempo. Un campo d’intervento molto vasto che qualifica l’intera attività dell’ambulatorio e del personale che vi opererà. Professionalità esperte capaci di eseguire procedure di una certa complessità tecnica come, ad esempio, gli accessi venosi a lungo termine (PICC e PICC-Porth), realizzati in sala operatoria attraverso l’impianto mini-invasivo di device, apparecchiature e cateteri per la somministrazione di farmaci.

Nello stesso progetto rientra la logica dell’Ospedale “portato a casa del paziente”, che offrirà un servizio dinamico in grado di garantire numerosi interventi direttamente al domicilio delle persone, soprattutto quelle che si trovano in situazioni di fragilità e complessità: una novità assoluta nell’ASL di Bari. Gli accessi venosi di tipo PICC e Middle-Line, in particolare, potranno essere impiantati a casa, nella massima sicurezza per il paziente ed evitando disagi, come lo spostamento in una struttura ospedaliera. Un traguardo raggiunto grazie allo sforzo della ASL, che ha acquistato ecografi portatili di ultima generazione e apparecchiature che consentono l’impianto senza l’ausilio di radiografia. Inoltre, le prestazioni saranno erogate a domicilio anche per pazienti in ADI (Assistenza Domiciliare Integrata), previa valutazione di fattibilità da parte dei medici. 

A Terlizzi, al fianco del medico referente Spaccavento, sono previsti sei infermieri specializzati, uno schema che sarà poi replicato nelle altre strutture. L’ambulatorio sarà aperto all’utenza nei giorni di mercoledì pomeriggio e venerdì mattina, con accesso attraverso prenotazione al CUP e servirà un bacino di utenza distribuito principalmente tra Molfetta, Terlizzi, Giovinazzo, Ruvo e Corato, ma anche a disposizione di pazienti provenienti da centri fuori provincia e regione.

Ultime News salute (Apri archivio)