La fabbrica della tortura

Dal 2014 ad oggi sono sbarcati in Italia 660 mila migranti. Circa il 90% di essi ha trascorso settimane, mesi o anni in Libia, provenendo soprattutto dai paesi dell’Africa occidentale o del Corno d’Africa. Il rapporto La fabbrica della tortura si basa su oltre tremila testimonianze dirette di migranti e rifugiati transitati dalla Libia, raccolte dagli operatori di Medici per i Diritti Umani (MEDU) nell’arco di sei anni dal 2014 al 2020.

Il rapporto analizza il periodo che va dal 2014 ad oggi sotto tre punti di vista: 1) i flussi migratori che giungono in Italia dalle coste libiche; 2) il sistema di abusi e di sfruttamento che si consuma in Libia ai danni di migranti e rifugiati; 3) le conseguenze psico-fisiche delle violenze subite. Viene inoltre approfondito il confronto di due fasi; i tre anni che precedono l’accordo Italia-Libia sui migranti (febbraio 2014 – gennaio 2017) e i tre anni successivi al medesimo accordo (febbraio 2017 – gennaio 2020).

Le storie dei sopravvissuti descrivono con drammatica precisione i luoghi, i perpetratori e le modalità delle violenze che si consumano sistematicamente nel territorio libico, all’interno e fuori dai centri di detenzione e di sequestro. Esse richiamano le gravi responsabilità dell’Italia, dell’Unione europea e dell’intera comunità internazionale e rappresentano un formidabile atto di accusa sulla tragedia che si sta consumando in questi anni sulle rotte migratorie che attraverso la Libia portano all’Europa.

In allegato il Rapporto integrale.

Scarica approfondimento

Ultimi Interventi ed Opinioni (Apri archivio)